FAQ

Ogni quanto si può donare?

La legge italiana stabilisce che, tra una donazione di sangue e la successiva, debbano intercorrere minimo 90 giorni. Le donne in età fertile possono donare solo due volte all’anno, gli uomini quattro volte.

È tutelata la mia privacy?

La privacy del donatore è garantita dal segreto professionale medico e dalla legge sulla privacy che individua i responsabili del trattamento.

Per donare il sangue bisogna essere a digiuno?

È consigliabile una leggera colazione a base di tè o caffè non zuccherati, fette biscottate o biscotti secchi.

Si deve fare qualcosa di particolare il giorno prima della donazione? E dopo la donazione?

È consigliabile bere molti liquidi, fare dei pasti regolari e riposare bene la notte.
È sconsigliata l’attività fisica intensa.
Dopo la donazione è necessario bere abbondantemente e mangiare regolarmente. Evitare l’attività fisica intensa e intraprendere lunghi viaggi al volante della propria auto.

Il giorno della donazione devo recarmi comunque al lavoro?

In base alla Legge 219/2005 art. 8 “I donatori di sangue ed emocomponenti con rapporto di lavoro dipendente hanno diritto ad astenersi dal lavoro per l’intera giornata in cui effettuano la donazione conservando la normale retribuzione per l’intera giornata lavorativa”. Bisogna richiedere il foglio di giustifica firmato dal medico del centro trasfusionale.

Il sangue donato viene presto ricostituito?

Il volume di sangue ritorna ai valori originali in un periodo di tempo compreso tra qualche minuto e poche ore. Il ripristino dei globuli rossi avviene più lentamente, ma generalmente si completa entro un mese circa dal prelievo.

Che cosa succede se prendo farmaci?

Se state assumendo qualsiasi tipo di farmaco, avvertite la segreteria o il centro trasfusionale: alcuni farmaci non sono compatibili con la donazione e richiedono un periodo di sospensione del donatore.

Che cosa succede se mi sento svenire mentre torno a casa?

Dopo la donazione è necessario rilassarsi per alcune ore. Ma se ci si sente deboli o si avvertono i capogiri, è raccomandato sdraiarsi immediatamente con le gambe sollevate e avvisare qualcuno che ci si sente poco bene.

Si può fumare dopo aver donato?

È meglio evitare di fumare per circa due ore dopo la donazione.

C.F. : 95025840133 • Privacy • Web Design Mec Group
AVIS NazionaleAVIS LombardiaAVIS Provinciale Como
Iscr. al Reg. Regionale del Volontariato: DPGR 52566 del 28/12/99 foglio n°455 - Progressivo 1814 - ID. 147 Sezione A (Sociale)